Skill&Music | Francesco Micheli
176
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-176,eltd-core-1.0.3,ajax_fade,page_not_loaded,,borderland-ver-1.5.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,paspartu_enabled,transparent_content,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Francesco Micheli

Nato nel 1972 a Bergamo, laureato in Lettere Moderne, Francesco Micheli si è diplomato alla Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano. Francesco Micheli inizia a lavorare come aiuto regista per il circuito lirico regionale toscano, il circuito lirico regionale lombardo e il Festival di Wexford. Nel 1997 debutta nella regia d’opera con La Cantarina di Niccolò Piccinni allestita per il Museo del Teatro alla Scala. Nello stesso anno dà inizio alla collaborazione con l’As.Li.Co. per il progetto Opera Domani che lo conduce alla produzione di opere di Gluck, Mozart e Massenet distribuite al Teatro Comunale di Firenze e alla Fenice di Venezia; è autore di nuovi lavori innovativi, che si collocano tra il concerto e lo spettacolo: il desiderio è dare forma a un teatro lirico di ricerca. Tale progetto porta alla collaborazione con diversi teatri: il Romolo Valli di Reggio Emilia produce W Verdi, il Teatro Sociale di Como Da Vivaldi a Pasolini e Da Verdi a Mina e per il Teatro Giacosa di Ivrea nasce Diva. Ha curato la regia di numerose altre opere: Le Nozze di Figaro per il Luglio Musicale Trapanese, Nabucco per il circuito regionale lombardo, Mozart e Salieri e Il piccolo Mozart per i Pomeriggi Musicali di Milano. Al Festival Pergolesi Spontini del 2008 ha curato un nuovo allestimento de’ I Puntigli delle donne di Gaspare Spontini, l’opera inedita Tana a Candragopoli realizzata dal Festival di Montepulciano e ha allestito un evento multimediale dedicato al Barbiere di Siviglia in piazza del Popolo a Pesaro coprodotto dal Rossini Opera Festival e da Sky. Ha scritto il libretto dell’opera I musicanti di Brema e ne ha curato la regia al Teatro Dal Verme di Milano: ha poi diretto Silvano Sylvano, l’ultimo lavoro di Sylvano Bussotti per l’Accademia di Santa Cecilia, Il turco in Italia al Teatro Olimpico di Vicenza, Il Barbiere di Siviglia e l’opera nuova Alice nel paese delle meraviglie di cui scrive il libretto e firma la regia su musiche di Giovanni d’Aquila al Teatro Massimo di Palermo. Nel 2009 lo spettacolo Bianco, Rosso e Verdi, prodotto dal Teatro Massimo di Palermo, vince il Premio Abbiati come Migliore iniziativa dell’anno. Per i Teatri di Reggio Emilia è autore, da molti anni, di una rassegna lirica sperimentale dal titolo Opera Off, durante i quali vengono presentati spettacoli, lezioni, convegni e progetti televisivi speciali, tra cui Le ragazze della via Gluck (da Orfeo ed Euridice e la saga di Ifigenia), Il mare (dal Simon Boccanegra), Viva Verdi (da Nabucco a Ernani al Don Carlo), Shakespeare vs Verdi (basato su Macbeth, Otello e Falstaff), Da Verdi a Mina (tratto da Traviata e Trovatore)In questo ambito si colloca la recente e profonda collaborazione con l’orchestra Filarmonica della Scala: il progetto Sound,Music! per la formazione del giovane pubblico e il progetto MusicEmotion per la trasmissione dei concerti filarmonici nelle sale cinematografiche. Ultimi successi del progetto Sound,Music! con la Filarmonica della Scala, Le Sacre du printemps andato in scena a maggio 2014 alla Fabbrica del Vapore, bissato nell’aprile 2015 con H2Do.

Ha insegnato Regia presso il biennio di specializzazione in Scenografia all’Accademia di Brera e collabora con la rete satellitare Sky Classica nell’ideazione e conduzione di programmi relativi all’opera. Da tre anni Direttore Artistico del Macerata Opera, è recentemente stato nominato anche Direttore Artistico della Fondazione Donizetti di Bergamo. Tra i suoi ultimi successi ricordiamo la regia de Il killer di parole di Claudio Ambrosini su soggetto di Daniel Pennac, andato in scena anche all’Opéra Nationale Lorraine di Nancy. Ha allestito Roméo et Juliette di Gounod all’Arena di Verona, riscuotendo un enorme successo di pubblico e di critica tanto che lo spettacolo andrà in scena anche nella stagione successiva. Ha firmato la regia della Bohème alla Fenice di Venezia, ripresa successivamente ad aprile del 2012 e a Febbraio del 2013. Alla Fenice ha inaugurato la stagione 2012/2013 con una nuova produzione di Otello, andata successivamente in tournée in Giappone nel Luglio 2013: ha curato inoltre la regia di Otello anche nel Cortile di Palazzo Ducale a Venezia. Il 2014 lo ha visto impegnato nelle nuove produzioni di Adriana Lecouvreur a Nizza e di Aida al Macerata Opera Festival, e con un altro nuovo allestimento di Aida ha debuttato a gennaio 2015 al National Centre of Performing Arts di Pechino diretta da Zubin Metha. Recentemente ha firmato la regia di Candide al Maggio musicale di Firenze e prossimamente metterà in scena il Barbiere di Siviglia al Greek National Opera di Atene.

Ufficio stampa internazionale