Skill&Music | Damiano Michieletto
188
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-188,eltd-core-1.0.3,ajax_fade,page_not_loaded,,borderland-ver-1.5.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,paspartu_enabled,transparent_content,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Damiano Michieletto

Nel giro di poco tempo è emerso sulla scena internazionale come uno dei rappresentanti più interessanti della giovane generazione di registi italiani. Ha studiato opera e produzione teatrale alla Scuola d’Arte Drammatica di Milano Paolo Grassi e si è laureato in lettere moderne all’Università di Venezia, sua città natale.

La sua produzione di Švanda il pifferaio di Jaromír Weinberger, acclamata dalla critica al Wexford Festival del 2003, ha vinto l’Irish Times ESB Theatre Award. Le sue altre produzioni operistiche includono L’ Italiana in Algeri al Teatro Olimpico di Vicenza, La gazza ladra in una co-produzione del Rossini Opera Festival con i teatri di Bologna e di Verona (Premio Abbiati, 2008), Lucia di Lammermoor, Il Corsaro, Luisa Miller e Poliuto a Zurigo, Roméo et Juliette e un ciclo Mozart/Da Ponte al Teatro La Fenice, Die Entführung aus dem Serail al San Carlo, La scala di seta al ROF e al Teatro alla Scala, Il Barbiere di Siviglia al Grand Théâtre de Genève, Madama Butterfly a Torino, L’elisir d’amore a Valencia, The Greek Passion di Martinů di Palermo, Così fan tutte al New National Theatre di Tokyo, il Trittico al Theater an der Wien e alla Royal Opera di Copenhagen, Un ballo in maschera al Teatro alla Scala, Idomeneo al Theater an der Wien e The Rake’s Progress all’Opernhaus di Lipsia e La Fenice di Venezia. Ha fatto il suo debutto al Festival di Salisburgo con La Bohème e poi vi è tornato con Falstaff e La Cenerentola.

Tra gli impegni della stagione 2015/2016 figurano nuove produzioni del Viaggio a Reims ad Amsterdam, del Flauto magico alla Fenice, di Cavalleria Rusticana/Pagliacci al Covent Garden di Londra (Olivier Award 2016) e dell’Otello di Rossini a Vienna; la ripresa del Trittico di Puccini all’Opera di Roma, il debutto alla Komische Oper di Berlino con Cendrillon di Massenet e il ritorno al ROF di Pesaro con una nuova produzione de La donna del lago. Nel 2016 ha firmato le nuove produzioni: Samson et Dalila di Saint-Saëns all’Opéra di Parigi e Aquagranda di Perocco alla Fenice.

Tra gli appuntamenti del 2017: Falstaff alla Scala, Die Zauberflöte all’Opera di Firenze, Idomeneo per il Maggio Musicale Fiorentino a Pistoia, una nuova produzione di Rigoletto ad Amsterdam e Il viaggio a Reims all’Opera di Roma.

È attivissimo anche nel teatro di prosa: ha messo in scena un’edizione molto apprezzata de Il Ventaglio di Goldoni a cui hanno fatto seguito L’Ispettore generale di Gogol con il Teatro Stabile del Veneto, Divinas palabras di Ramón María del Valle-Inclán per il Piccolo Teatro e una nuova produzione de L’Opera da tre soldi di Brecht e Weill al Piccolo Teatro di Milano.

rappresentanza internazionale