Skill&Music | TCBO: Le nozze di Figaro
51987
post-template-default,single,single-post,postid-51987,single-format-standard,eltd-core-1.0.3,ajax_fade,page_not_loaded,,borderland-ver-1.5.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,paspartu_enabled,transparent_content,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

TCBO: Le nozze di Figaro

Con Le nozze di Figaro di Wolfgang Amadeus Mozart – in scena al Teatro Comunale di Bologna dal 26 maggio al 1° giugno 2016 – la Stagione 2016 prosegue nel segno di Opera Next, il progetto della Scuola dell’Opera del Teatro Comunale.

La nuova produzione, realizzata in collaborazione con l’Opera Studio di Tenerife (città dove ha debuttato lo scorso ottobre), è firmato dalla regista e attrice Silvia Paoli, attiva sia nella prosa sia nella lirica. Formatasi alla Scuola Paolo Grassi di Milano e con registi del calibro di Peter Stein e di Damiano Michieletto, Paoli è autrice di testi drammaturgici e monologhi, oltre che di regie liriche come La Cenerentola (Ópera de Tenerife, 2014) e Turandot (Teatro Sociale di Como – AsLiCo, febbraio 2016). Sul podio Hirofumi Yoshida, Direttore principale ospite del teatro felsineo nonché Direttore Artistico della Filarmonica del Teatro Comunale di Bologna. Le due recite del 27 e 29 maggio saranno affidate dalla giovane direttrice Yi-Chen Lin che ha curato lo spettacolo presso l’Auditorium di Tenerife. «Una commedia umana – dice la regista Silvia Paoli – una folle giornata che rivela, intensifica, complica e chiarisce sentimenti ed emozioni in cui ognuno di noi può riconoscersi. Un’opera in cui il dialogo si fa musica e la musica diventa dialogo. La messa in scena diviene quasi “svolgimento”, tentativo di dar forma al sentimento. Lo spazio assurge alla dimensione di “scatola delle emozioni”, con le stanze del palazzo come contenitori di pensieri e le porte come passaggio da uno stato emotivo all’altro. Pulizia ed essenzialità ci hanno guidato nel mondo creato da Mozart e Da Ponte, portando tutto lo staff di regia e gli interpreti a un traguardo comune, scaturito dal dialogo e dalla riflessione, dall’affetto e dalla passione».

Opera Next fa parte di una serie di progetti che nella fase più recente della vita della Scuola si è avuta l’occasione di creare e portare a compimento. Ne sono protagonisti un gruppo scelto di giovani selezionati per un corso che ha come oggetto lo studio intensivo del repertorio ed in particolare dei ruoli di una specifica opera. Il corso si conclude con la messa in scena dell’opera stessa presso il Teatro Comunale di Bologna o presso i teatri partner dell’iniziativa. Sono iniziative parallele al normale corso di studi e nate soprattutto dalla forte volontà di collaborazione tra importanti teatri e istituzioni. Il valore artistico dello spettacolo realizzato è nella linea della tradizione della Scuola, impegnata costantemente nella formazione professionale e nella promozione di quei talenti che caratterizzeranno il panorama lirico italiano. A conferma dell’alto livello degli insegnamenti e della composita preparazione degli studenti, l’ente di formazione bolognese diretto da Fulvio Macciardi ha recentemente ottenuto l’accreditamento per lo spettacolo dal vivo presso la regione Emilia Romagna, grazie al quale il Teatro Comunale ha potuto ottenere l’attribuzione di fondi volti alla realizzazione di nuovi percorsi formativi dedicati all’alto perfezionamento e all’avviamento professionale della figura del maestro collaboratore e a quella del cantante lirico. I corsi della Scuola dell’Opera del Teatro Comunale di Bologna sono, da sempre, totalmente gratuiti. Tale politica permette di selezionare liberamente i candidati più meritevoli, sia italiani che stranieri, dando loro la possibilità di migliorare le proprie competenze e superare la distanza che separa lo studio dalla vita lavorativa. Le carriere avviate sono state moltissime e, anche grazie alle importanti e internazionali collaborazioni con altri teatri e istituzioni, i successi degli ex alunni del Teatro Comunale sono riconosciuti in tutto il mondo. Mentre le collaborazioni con il Festival Verdi  hanno permesso la realizzazione de La Traviata e di Rigoletto, dopo l’esito positivo del Don Pasquale andato in scena nel febbraio 2015, si è consolidata la collaborazione con l’Opera Studio di Tenerife confermata dalla realizzazione oggi de Le nozze di Figaro. I giovani artisti che compongono il cast sono stati selezionati tra numerosissimi candidati provenienti da tutta Europa (e non solo) nel corso di più sessioni di audizioni tenutesi a Bologna, Madrid e Tenerife. Il lungo lavoro di preparazione e approfondimento della partitura e dei ruoli si è tenuto a Tenerife, sotto la direzione di Giulio Zappa, esperto preparatore e Direttore dell’Opera Studio di Tenerife.

 

Info: > Teatro Comunale Bologna