Skill&Music | Carmela Remigio: “L’amico Fritz”
51992
post-template-default,single,single-post,postid-51992,single-format-standard,eltd-core-1.0.3,ajax_fade,page_not_loaded,,borderland-ver-1.5.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,paspartu_enabled,transparent_content,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.2,vc_responsive

Carmela Remigio: “L’amico Fritz”

Dopo oltre 60 recite e 12 diversi titoli, tra cui L’inganno felice, Don Giovanni, Le nozze di Figaro, Otello, La clemenza di Tito, The Rake’s Progress, Alceste e Norma, Carmela Remigio torna al Teatro La Fenice di Venezia come protagonista della nuova produzione de L’amico Fritz di Pietro Mascagni, in scena dal 27 maggio al 4 giugno, con la direzione di Fabrizio Maria Carminati e la regia di Simona Marchini.

Recentemente insignita del prestigioso “Premio Abbiati” della critica musicale italiana come miglior cantante dell’anno, Carmela Remigio ha un rapporto privilegiato con il teatro del capoluogo Veneto, nel quale ha cantato con direttori come Myung-whun Chung, Diego Matheuz, Antonello Manacorda, Ottavio Dantone, Guillaume Tourniaire e registi come Damiano Michieletto, Francesco Micheli, Ursel e Karl-Ernst Herrmann, Kara Walker e Pier Luigi Pizzi. A un mese di distanza dal debutto in un titolo inusuale come La donna serpente di Alfredo Casella, che l’ha vista trionfare al Teatro Regio di Torino, il soprano pescarese affronta per la prima volta il ruolo di Suzel, in una delle opere di Mascagni meno eseguite.

“Mi piace considerare L’amico Fritz il mio debutto più verista nell’opera meno verista di Mascagni – dice Carmela Remigio – In questo lavoro non c’è traccia degli amori drammatici e passionali che dominano ad esempio Cavalleria rusticana. Ne L’amico Fritz Mascagni dipinge con candore e freschezza un amore fanciullesco, tenero, mai manifesto – se non alla fine – tutto vissuto interiormente, tra i sospiri e le insicurezze dei due giovani. Suzel è un personaggio dal canto e dalla vocalità squisitamente lirici, che si prestano a mille sfumature, ma che non hanno nulla del canto drammatico verista. Non a caso è stato cantato da molti altri soprani lirici prima di me”.

Al fianco di Carmela Remigio sono impegnati Alessandro Scotto Di Luzio (Fritz Kobus), Elia Fabbian (David), Teresa Jervolino (Beppe), William Corrò (Hanezò), Anna Bordignon (Caterina), Alessio Zanetti (Federico). Le scene sono realizzate da Massimo Checchetto e i costumi da Carlos Tieppo. Il Coro del Teatro La Fenice è istruito da Claudio Marino Moretti.

Dopo L’amico Fritz, Carmela Remigio sarà Mimì ne La Bohème, in una tournée in Giappone nell’ambito del Festival di Spoleto (18, 25 e 30 giugno; 2 e 3 luglio); Donna Anna in Don Giovanni al Festival di Salisburgo (4, 7, 9, 13, 18 e 21 agosto); Poppea ne L’incoronazione di Poppea al Teatro alla Scala (22, 24, 27, 29 settembre e 1° ottobre) e Fiordiligi in Così fan tutte all’Ópera de Oviedo (13, 15, 17 e 19 novembre).

Info: > Teatro La Fenice