Skill&Music | Carmela Remigio: “Don Giovanni”
52113
post-template-default,single,single-post,postid-52113,single-format-standard,eltd-core-1.0.3,ajax_fade,page_not_loaded,,borderland-ver-1.5.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,paspartu_enabled,transparent_content,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

Carmela Remigio: “Don Giovanni”

Dopo oltre 350 recite di Don Giovanni – divise tra Donna Anna e Donna Elvira – e a pochi mesi dal conferimento del “Premio Abbiati” della critica musicale italiana come miglior cantante, Carmela Remigio torna a interpretare il ruolo di Donna Anna nel capolavoro di Mozart, e per la prima volta lo fa nella città natale del compositore, Salisburgo, nell’ambito dell’edizione 2016 del celebre Festival estivo. L’opera, con la direzione di Alain Altinoglu e la regia di Sven-Eric Bechtolf, è in programma dal 4 al 21 agosto alla Haus für Mozart. Il soprano pescarese torna al Festival di Salisburgo, dopo aver cantato Falstaff nel 2001 sotto la direzione prima di Claudio Abbado e poi di Lorin Maazel.

Carmela Remigio è considerata interprete di riferimento del Don Giovanni che ha cantato nei teatri più prestigiosi al mondo, dalla Royal Opera House di Londra al Teatro alla Scala di Milano, da Los Angeles a Parigi, dall’Accademia Nazionale di Santa Cecilia a La Monnaie di Bruxelles, e con direttori come Claudio Abbado, Gustavo Dudamel, Antonio Pappano e Daniel Harding, per citarne alcuni.

“Cantare finalmente Donna Anna al Festival di Salisburgo è una grande emozione – racconta Carmela Remigio – Da tempo desideravo incarnare questo ruolo nella patria del compositore che forse più di ogni altro ho amato, e che ho sempre continuato ad amare anche quando mi sono dedicata ad altri repertori. Anna è uno dei personaggi mozartiani più raffinati: c’è qualcosa di miracoloso in ogni sua battuta, nonché il germe di tanti altri personaggi del belcanto. I suoi recitativi e le sue arie sono di una perfezione e di una limpidezza senza pari nella storia della musica. Sembrano anticipare la melodia e il fraseggio di successivi grandi capolavori come Anna Bolena, Norma e I puritani.

Forse proprio per comprendere Anna più a fondo – prosegue il soprano – ho cantato anche il ruolo di Donna Elvira in alcune produzioni di Don Giovanni. Sono due personaggi molti diversi: Elvira più drammatica, Anna invece, piuttosto enigmatica. Eppure sono in qualche modo complementari, l’una specchio dell’altra. Anna mi ha anche dato l’opportunità di collaborare, ad appena ventidue anni, con Claudio Abbado: feci un’audizione per il ruolo Zerlina, ma alla fine fui scritturata proprio per Anna.”

Accanto a Carmela Remigio sono impegnati Ildebrando D’Arcangelo (Don Giovanni), Luca Pisaroni (Leporello), Paolo Fanale (Don Ottavio), Layla Claire (Donna Elvira), Alain Coulombe (Il Commendatore), Valentina Nafornita (Zerlina), Alessio Arduini/Iurii Samoilov (Masetto). Il Coro Philarmonia di Vienna è diretto da Walter Zeh.

Dopo Don Giovanni a Salisburgo, Carmela Remigio sarà Poppea ne L’incoronazione di Poppea di Monteverdi al Teatro alla Scala (dal 22 settembre al 1° ottobre) e Fiordiligi in Così fan tutte di Mozart all’Ópera de Oviedo (dal 13 al 19 novembre).

Info: >Festival di Salisburgo