Skill&Music | TCBO: IL PIANISTA UZBEKO MICHAIL LIFITS INTERPRETA IL PRIMO CONCERTO DI MENDELSSOHN
54123
post-template-default,single,single-post,postid-54123,single-format-standard,eltd-core-1.0.3,ajax_fade,page_not_loaded,,borderland-ver-1.5.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,paspartu_enabled,transparent_content,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive
Michail Lifits_©FelixBroede

TCBO: IL PIANISTA UZBEKO MICHAIL LIFITS INTERPRETA IL PRIMO CONCERTO DI MENDELSSOHN

Arriva dall’Uzbekistan e oggi è cittadino tedesco, ma nella sua carriera artistica c’è anche l’Italia: è il pianista Michail Lifits, vincitore nel 2009 del Concorso “Busoni” che si è formato prima alla Hochschule für Musik und Theater di Hannover e poi all’Accademia Pianistica di Imola, protagonista del concerto in programma giovedì 15 ottobre alle 20.30 al PalaDozza per la Stagione Sinfonica 2020 del Teatro Comunale. Ospite di sale come la Carnegie Hall di New York e la Philharmonie di Berlino, a Bologna Lifits interpreta il Concerto n. 1 in sol minore per pianoforte e orchestra op. 25 di Felix Mendelssohn. Grande virtuoso della tastiera, il compositore tedesco scrisse il lavoro nel 1830 collegando i tre movimenti senza soluzione di continuità e con l’uso dello stesso materiale tematico, risentendo probabilmente dell’influenza del Konzertstück in fa minore per pianoforte e orchestra op. 79 di Carl Maria von Weber, completato nel 1821 e proiettato verso il mondo romantico e la sua “forma ciclica”. Sul podio dell’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna Yoel Levi, che propone anche la dirompente e celeberrima Sinfonia n. 3 in mi bemolle maggiore op. 55 Eroica di Ludwig van Beethoven, eseguita per la prima volta a Vienna nel 1805. Nato in Romania e cresciuto in Israele, Levi ha all’attivo oltre quaranta registrazioni per diverse etichette e ha ricoperto incarichi presso l’Atlanta Symphony Orchestra, la Filarmonica di Bruxelles, l’Orchestre National d’Ile de France, la KBS Symphony Orchestra di Seoul e la Israel Philharmonic Orchestra.

 

Il concerto recupera quello originariamente previsto lo scorso 30 marzo 2020: restano quindi validi per l’ingresso a questo evento i biglietti già acquistati per quella data e gli abbonamenti alla Stagione Sinfonica 2020. I biglietti per il concerto sono esauriti.