Skill&Music | TCBO: GIORGIO COMASCHI RACCONTA BOLOGNA IN SALA BIBIENA
54141
post-template-default,single,single-post,postid-54141,single-format-standard,eltd-core-1.0.3,ajax_fade,page_not_loaded,,borderland-ver-1.5.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,paspartu_enabled,transparent_content,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive
Giorgio Comaschi

TCBO: GIORGIO COMASCHI RACCONTA BOLOGNA IN SALA BIBIENA

«Questo racconto-monologo è un omaggio che faccio alla città che amo, dalle sue origini all’Università, dall’incoronazione di Carlo V alle case chiuse, da Respighi a Mozart, dalla mortadella allo scudetto del ’64, da Napoleone alle famose notti bolognesi dei ‘biassanot’». Con queste parole l’attore e giornalista bolognese Giorgio Comaschi descrive il suo nuovo spettacolo intitolato “Bologna, storia di una città dagli Etruschi ad oggi”, in programma al Teatro Comunale di Bologna a partire da giovedì 29 ottobre alle 20.30 (repliche venerdì 30 ottobre alle 20.30 e sabato 31 ottobre alle 16.00 e alle 20.30).

 

Comaschi, che al capoluogo emiliano ha dedicato libri come “Certo che voi di Bologna”, “Scusi per Bologna? Lei bisogna che faccia il giro”, “Mosche su Bologna” e “Spaghetti alla bolognese”, torna a teatro con un racconto-monologo che rispetta il rigore della storia ma che vuol essere anche scanzonato e divertente, secondo le chiavi stilistiche tipiche dell’attore a cavallo tra ironia e giornalismo. Lo spettacolo sarà accompagnato dalle immagini messe a disposizione dall’Archivio della Cineteca del Comune di Bologna e dalla musica interpretata dall’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna diretta da Valentino Corvino, che è stato anche autore e trascrittore delle pagine che faranno da punteggiatura a tutta la narrazione. Da Gioachino Rossini ad Arcangelo Corelli, da Jacopo da Bologna a Lucio Dalla, il repertorio scelto è un racconto in musica parallelo, che vuole rendere omaggio ad alcuni dei compositori e dei brani che dal medioevo ad oggi hanno segnato la fulgida storia di uno dei più importanti centri di creazione e produzione musicale del mondo.

 

Presenting partner e main sponsor dell’evento è Banca di Bologna. «Soprattutto in un momento difficile come questo l’identità e il senso di appartenenza fanno la differenza, – dice il Presidente di Banca di Bologna Enzo Mengoli – ecco perché da subito abbiamo voluto contribuire alla realizzazione di questo progetto su Bologna. Lo spettacolo infatti racconta la storia, le origini, i valori e qualche curiosità di una realtà, quella dei Bolognesi, che grazie alla loro forza e passione sono riusciti nel tempo a superare tante difficoltà. Come Banca di Bologna da sempre sosteniamo le iniziative che riguardano le persone e le imprese che vivono il nostro territorio e oggi più che mai vogliamo dire loro che possono contare su di noi».

 

Supportano l’iniziativa, inoltre, Comune di Bologna, Gruppo Unipol e Gruppo Hera.

 

I biglietti per lo spettacolo, 20 euro (intero) e 15 euro (ridotto Under30), sono in vendita online su www.tcbo.it e presso la biglietteria dell’Auditorium Manzoni (Via de’ Monari, 1/2) dal martedì al venerdì dalle 12.00 alle 18.00 e il sabato dalle 11.00 alle 15.00.